Come molti, conobbi Giacomo Bevilacqua leggendo le strisce comiche del suo Panda; devo ammetterlo, non gli diedi molto credito: erano divertenti, certo, ma nulla di che. Vi lascio immaginare il mio stupore nel ritrovarlo sulle pagine di una storia totalmente diversa come Metamorphosis, pubblicato prima da Aurea ed in 3 volumetti, raccolti recentemente da Panini in un omnibus.

image_gallery

 

 

Titolo: METAMORPHOSIS OMNIBUS

Autori: Giacomo Bevilacqua

Editore: PANINI COMICS

Prezzo: € 15,90 (DISPONIBILE SU SOLOBEIFUMETTI.IT)

 

 

 

Luna è quella che si definirebbe una ragazza qualunque: vive a Roma ed è una blogger e scrittrice dal discreto successo. I suoi sogni sono popolati da creature e personaggi singolari, i cui nomi richiamo quelli di personaggi della mitologia classica. Quando a Roma cominciano ad avvenire una serie di macabri omicidi, che sembrano in qualche modo collegati al mondo onirico e all’infanzia di Luna, questa verrà coinvolta nel caso dal suo ex fidanzato, il commissario Daniel Valentini.

“Panta rei”, diceva il filosofo Eraclito; “tutto scorre”, tutto va incontro ad una trasformazione, ad un cambiamento. Lo stesso Bevilacqua, prima di diventare un fumettista, era un attore di teatro; partendo da strisce comiche con protagonista un panda pubblicate sul web, è arrivato ad annunciare la sua presenza su uno dei prossimi numeri di Dylan Dog.

La metamorfosi, ovviamente, è anche quella della storia: se le prime pagine vi sembrano quelle di un thriller-giallo incalzante e coinvolgente, proseguendo ci si trova a viaggiare nella psiche e nei sogni di Luna alla scoperta del suo passato. La conclusione prende una piega totalmente inaspettata, di cui però non voglio fare parola per evitare di rovinarvi la sorpresa. Ultimo, ma non per importanza, è il riferimento alle Metamorfosi di Ovidio, raccolta di storie da cui escono i personaggi che vivono nel mondo dei sogni di Luna, tutti accomunati dal fatto di essere vittima di trasformazioni.

metamorphosis 2

Non apprezzo particolarmente il tratto pulito e leggero di Bevilacqua, ma non ho potuto non rimanere colpito dalla quantità di dettagli presenti in ogni vignetta, in special modo le ricostruzioni delle vie dei quartieri romani. Durante i flashback di Luna, dove vengono alla luce dettagli della sua infanzia, l’autore è stato sostituito dalla giovane Sonia Aloi, caratterizzata da un tratto più marcato e deciso.

Se siete scettici riguardo all prossimo arrivo di Giacomo Bevilacqua sulle pagine dell’indagatore dell’incubo, vi invito a recuperarvi questo libro, sicuramente cambierete idea.

 

Momento pagellino!

Storia: 7/8

Disegni: 6

Edizione: 7,5

 

Alla prossima!

 

 

[post_view] Visualizzazioni