Violenza a palate e tanto, troppo, sangue!

Penso sia il preludio migliore per parlare di Fury: L’uomo che amava la Guerra. La storia è stata riproposta nel febbraio del 2014 in formato best seller da panini.

L’opera è stata scritta da Garth Ennis, scrittore famoso per il suo stile particolarmente violento, schietto e sanguinario, sceneggiatore anche di molte storie di successo del Punitore.

In questa suo fumetto, uscito nel novembre del 2001 in America, il protagonista è Nick Fury. Ci troviamo davanti ad un soldato ormai giunto all’età del pensionamento che si trova a dover fare i conti con il presente. Lo S.H.I.E.L.D. ormai è diventata un’agenzia prettamente tecnologica e all’avanguardia che vuole estromettere, a uomo d’ufficio, l’anacronistico comandate degli, allora, Howling Commandos.

Ennis riesce a demolire completamente il personaggio di Fury, proponendoci una storia di guerra che si conclude con molte domande. Questo non vuol dire che ci troviamo di fronte ad una storia senza finale, ma bensì ad un’opera riflessiva che vuole ingannare il protagonista e, in primis, il lettore.

Il fumetto è infatti catalogato per adulti, in parte sicuramente per i contenuti molto forti e in parte per la difficoltà di leggere oltre ai baloon, cercando di capire cosa pensa veramente Fury in tutta la storia.

Un albo assolutamente consigliato a tutti gli amanti della guerra e dei generi affini, ma anche a tutti coloro che vogliono dedicarsi ad una storia un po’ più complessa e che ci offre la psicologia di uno dei personaggi Marvel più vecchi!

 

 

E anche per oggi è tutto. Se state cercando Fury: L’uomo che amava la Guerra, vi consiglio di provare sul sito Solobeifumetti.it dove lo potrete trovare a un prezzo imbattibile.

Alla prossima!