Saga Copertina 1

Gli Harvey Awards sono un premio internazionale del fumetto tra i più importanti. Sia le nomine che le premiazioni vengono decise da un folto gruppo di professionisti del fumetto. All’inizio dell’anno ogni professionista che partecipa alla selezione può effettuare 5 nomine per categoria, in ogni categoria i 5 con più nomine avanzano al ballottaggio finale dove verranno selezionati i vincitori sempre attraverso il voto di scrittori, disegnatori, editori e altre figure professionali dell’industria del fumetto.

Con così tanta professionalità in campo si capisce perchè siano considerati un premio così importante, inoltre la longevità del premio (il primo è stato assegnato al Chicago Comic-Con nel 1988) ne aumenta la validità. Sono dedicati ad Harvey Kurtzman, creatore di Little Annie Fanny (da noi effettivamente molto meno famoso che negli USA) e fondatore della rivista MAD.

Quest’anno la cerimonia si è tenuta durante il Baltimore Comic-Con in una serata sponsorizzata dalla Guinness che comprendeva cena e aperitivo alla modica cifra di 125$! Il cerimoniere era Bill Willingham, autore di Fables, che ha introdotto l’evento presentando il fumetto come una “nuova scoperta” da parte del mondo mass-market, sia dal punto di vista commerciale che culturale. Come dargli torto? Non credo ci sia mai stato un momento in cui il fumetto sia stato così influente sui media tradizionali (cinema, televisione, resto dell’editoria) sia come contenuti che come fama. Qualche annetto fa (quasi 25, sigh!) leggevo Iron Man della Play Press e la riconoscibilità del personaggio era fondamentalmente nulla. Ora Iron Man è conosciuto da tutti, insieme agli altri vendicatori, se c’è un evento importante nel mondo Marvel o Dc viene riportato dai quotidiani più importanti del mondo e The Walking Dead ha abbattuto più volte la soglia dei 12 milioni di spettatori per un singolo episodio.

Le ben 25 categorie dei premi puntano a riconoscere i risultati ottenuti in ogni sfaccettatura del fumetto, ecco chi è stato premiato nel 2013:

Miglior Letterista  –  Todd Klein

Miglior Colorista –  Fiona Staples

Miglior striscia su quotidiano –  Dick Tracy

Miglior Fumetto Online –  Battlepug di Mike Norton

Battlepug, miglior fumetto online, edito dalla Dark Horse su carta

Battlepug, miglior fumetto online, edito dalla Dark Horse su carta

Miglior edizione americana di un fumetto straniero  – Blacksad: A silent Hell

Blacksad: A Silent Hell

Miglior edizione americana di un fumetto straniero

Miglior Inchiostratore  –  Klaus Janson

Miglior serie nuova  – Saga

Miglior promessa – Talento Emergente  – Dennis Hopeless

Premio speciale per fumetti umoristici –  Ryan North per Adventure Time

Miglior Graphic Novel originale per giovanissimi  –   Adventure Time per Ryan North

Miglior Antologia  – Dark Horse Presents

Miglior Progetto di ristampa americana  –  “David Mazzuchelli’s Daredevil Born Again”

 

Devil Born Again Mazzucchelli

Miglior riedizione

Miglior Copertinista  –  David Aja

Premio speciale per presentazione eccellente  –  Building Stories

Miglior Graphic Novel Originale  – Parker: The Score

Miglior Graphic Novel di passata pubblicazione – ALIEN di Walt Simonson e Archie Goodwin

Miglior Serie o miniserie  –  Saga

Miglior Scrittore  –  Brian Keller Vaughan

Miglior Artista  – Fiona Staples

Miglior Cartoonist  – Jaime Hernandez

Miglior Storia o numero singolo –  Saga 1

Una valanga di premi per Saga e per il suo scrittore Brian K. Vaughan e la disegnatrice Fiona Staples!

Due speciali award dedicati alla Hero Initiative: Dick Giordano Humanitarian Award e Lifetime Achievement Award, il primo vinto da Paul Levitz e il secondo da Sal Buscema.

La Hero Initiative (precedentemente ACTOR) è una associazione noprofit creata da un manipolo di case editrici americane con lo scopo di aiutare creatori di fumetti in difficoltà economica o di salute.